- Domus Medica

Vai ai contenuti

Menu principale:


Scarica la brochure - O3


CLICCA QUI E SCARICA lA BROCHURE

Che cos’è l’ozono
L’ozono (O3) è la forma triatomica dell’ossigeno (O2). Il suo nome deriva dal greco ózō e significa “mando odore”; caratteristico è infatti l’odore pungente che si avverte in sua presenza.
L’ozono è molto conosciuto per l’importante ruolo che svolge nel determinare l’equilibrio ecologico sulla terra; esso è indispensabile per la vita sul nostro pianeta in quanto ha la capacità di assorbire i raggi ultravioletti provenienti dal sole, se così non fosse, questi determinerebbero la denaturazione delle proteine e la distruzione di ogni forma di vita.
L’ozono si forma nella stratosfera, a circa 30 km dalla Terra, in seguito all’interazione dei raggi ultravioletti con l’ossigeno, ed è presente in concentrazioni diverse ai vari strati.

Caratteristiche fisiche dell’ozono
Dal punto di vista fisico, a temperatura ambiente, l’ozono è un gas incolore e irritante; allo stato liquido e solido è molto instabile; allo stato gassoso, soprattutto a concentrazioni elevate e in presenza di acqua, lo è ancora di più. L’utilizzo in medicina viene effettuato sotto forma di gas, per cui, essendo molto instabile e reattivo, deve essere prodotto al momento e impiegato entro breve tempo. Si deve evitare di disperderlo nell’ambiente perché può svolgere un’azione irritante sulle mucose dell’apparato respiratorio.

Impiego dell’ozono
A concentrazioni molto elevate l’ozono viene impiegato per la potabilizzazione e sterilizzazione dell’acqua, nell’igienizzazione delle piscine, dove risulta più attivo del cloro in quanto capace di eliminare anche virus resistenti a quest’ultimo, ma anche per la neutralizzazione di gas di scarico industriali contenenti solfato.
Viene usato spesso nella catena alimentare per l’elevata potenzialità battericida e sterilizzante. In campo medico viene impiegato insieme all’ossigeno, sotto forma di miscela ozono medicale O2–O3, a concentrazioni di 30 volte più basse rispetto all’uso
industriale. La scoperta dell’ozono è da attribuire al chimico tedesco Christian Friedrich Schonbein nel 1840. L’uso in campo medico risale alla prima guerra mondiale, quando, grazie al suo potere disinfettante, fu impiegato con ottimi risultati nella cura e prevenzione della gangrena; da allora il suo impiego è stato sempre maggiore, tantissimi sono i medici, in tutti i paesi del mondo, che usano questa tecnica; tanti sono gli studi scientifici pubblicati e le verifiche della sua validità per molte patologie; numerosi sono, a oggi, i centri universitari che continuano a studiarne le sue incredibili potenzialità; non si contano i pazienti che hanno potuto beneficiare e possono testimoniare della sua efficacia.

Produzione dell’ozono per uso medicale
La miscela Ossigeno-Ozono medicale, in cui la concentrazione dell’ossigeno non è mai inferiore al 95%, viene prodotta, al momento dell’utilizzo, da sofisticati apparecchi. In essi viene generato un flusso di ossigeno terapeutico che viene colpito da una scarica elettrica; questa, regolata nel voltaggio dalla distanza tra elettrodi, produrrà la rottura di molecole di ossigeno O2 in atomi che legandosi tra loro formeranno ozono O3.
Il generatore di ozono è dotato di un sensibile fotometro che permette di variare la concentrazione del gas da prelevare.
Il prelievo avviene agendo direttamente per pressione su un’apposita valvola erogante, tramite l’applicazione di siringhe o tubi con boccagli appropriati.


Contatti
Referente del Servizio di Ossigeno - Ozono - Terapia
Assistente Lina Gianserra
Segreteria Domus Medica
Variante esterna, Bagnoli del Trigno (Isernia)
Tel. + 39 0874 870304 fax + 39 0874 870895
 
Torna ai contenuti | Torna al menu